Sabato all’Alfieri spettacolo assicurato con “Le Voci del Serchio”

7 Apr

Prevendita a gonfie vele e grande attesa in tutta la Garfagnana per la Prima Rassegna Corale di Primavera “Voci del Serchio”, che si terrà sabato 14 aprile a partire dalle 20.30 presso il Teatro Alfieri di Castelnuovo e organizzata dal Coro “Le Voci del Serchio” diretto dall’infaticabile Ugo Menconi, che nel giro di pochi mesi ha saputo armonizzare e cementare un gruppo unito che sta ricevendo apprezzamenti in tutta la Valle. Il sodalizio organizzatore ha invitato (e canterà assieme) a “I Crodaioli” di Arzignano (VI) diretti da Bepi de Marzi. Sarà una serata all’insegna della musica popolare, un repertorio che in queste zone trova solo pochi adepti. Quindi, il direttore del coro ha voluto portare all’Alfieri uno dei gruppi più apprezzati della Penisola, e più antichi, visto che la data di nascita segna il 1958. Il coro “Le Voci del Serchio” si è esibito più volte nel teatro castelnuovese, ricevendo sempre tante critiche positive, ma soprattutto offrendo repertori di alto livello e di impegno non comune. Stavolta, la missione è un’altra: incentivare, attraverso il confronto con altre realtà di questo panorama, l’affermazione della musica popolare, intesa nel senso più nobile del termine. E Menconi ce la sta facendo. Sabato sera andate a teatro, e ve ne renderete conto. Ingresso posto unico numerato € 10,00. Per info e prenotazioni telefonare all’ Ufficio Turistico Comunale (telefono 0583 641007) oppure rivolgersi al 392.8764058.

 

 

Infermieri e Oss, cresce la richiesta in Valle del Serchio

7 Apr

I servizi sanitari territoriali stanno cambiando con lo sviluppo della sanità d’iniziativa, ovvero una sanità capace di andare incontro ai bisogni del cittadino in maniera proattiva, raccogliendo la sua domanda di salute anche quando inespressa e prima che evolva con un aggravamento o una complicanza. Questo nuovo scenario impone un lavoro di squadra tra l’infermiere di famiglia e il medico di medicina generale. E’ quello che sta avvenendo anche sul territorio della Valle del Serchio dove da tempo, a sostegno delle famiglie, è iniziato l’inserimento di infermieri presso i gruppi di medici associati. Questa nuova organizzazione è sostenuta  da un percorso formativo di Master di primo livello per “Infermiere di famiglia e di comunità” dell’Università di Pisa, svolto dall’Azienda USL 2 di Lucca presso il Polo didattico e formativo di S. Maria a Colle. Oltre al master, sono stati strutturati 9 seminari di cui sono docenti medici di medicina generale.  In  questo ambito legato alla medicina d’iniziativa, in Valle del Serchio si è registrato l’inserimento di 5 infermieri e 2 operatori socio sanitari negli studi medici di medicina generale, in particolare nelle zone di Barga, Borgo a Mozzano e Piazza al Serchio. Nel corso del 2011 sono stati forniti in questa maniera  servizi a  2098 utenti per un totale di 17.909 prestazioni domiciliari erogate. I medici di famiglia hanno quindi condiviso fin dall’inizio questo percorso che potenzia il territorio e rende possibile una maggior copertura dei servizi al domicilio delle famiglie e delle persone, che hanno sempre più necessità di aiuto e di supporto dal punto di vista sanitario e sociale. In questo nuovo  modello assistenziale svolge un ruolo significativo l’infermiere di famiglia, dotato di una formazione specifica post laurea, che è in grado di instaurare un rapporto diretto non solo con il malato e con i suoi familiari ma anche con la rete comunitaria (volontariato, associazioni, parrocchie, ecc) favorendo l’integrazione tra i servizi sanitari e sociali.

Barga ha vissuto la Via Crucis Tutte le foto di Matteo Casci

7 Apr

Ospedale unico della Valle, firmato il protocollo d’intesa. Dove farlo? Booooh…

6 Apr

Quella di giovedì 5 aprile è una data importante per la sanità della Valle del Serchio. E’ stato infatti firmato il documento preliminare d’intesa per la realizzazione dell’ospedale unico della Valle.  A siglare il documento, nella sede direzionale dell’Azienda sanitaria USL 2 di Lucca, a Monte San Quirico, l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia, il direttore generale dell’Azienda sanitaria lucchese Antonio D’Urso, e i sindaci dei Comuni che fanno parte del territorio aziendale. Alla firma del documento era presente anche il presidente della IV Commissione Sanità del Consiglio Regionale, Marco Remaschi: “La firma di oggi – ha detto l’assessore Scaramuccia – consentirà di proseguire in questo percorso che potrà portare alla realizzazione anche in Valle del Serchio di una struttura ospedaliera moderna e all’avanguardia. Un intervento importante, che rientra nella riorganizzazione della rete ospedaliera toscana, con l’obiettivo di garantire a tutti i cittadini che vivono nella nostra regione, e anche a quelli che, numerosi, vengono in Toscana per curarsi, un’assistenza di sempre miglior qualità”. Per l’Asl parla il direttore generale: “La nostra Azienda – ha evidenziato D’Urso – è disponibile a fornire tutto il supporto tecnico necessario per definire dove fare la nuova struttura della Valle e cosa metterci dentro. Daremo il massimo per raggiungere questo obiettivo, che per noi è strategico al pari della realizzazione del nuovo ospedale di Lucca e della riorganizzazione e  potenziamento dei servizi territoriali”. E poi Marco Remaschi non si nasconde:  “Nonostante il periodo di crisi – ha aggiunto il presidente della Commissione Sanità – la Regione Toscana dimostra di voler continuare ad investire in tecnologie e strutture. E’ importante questa unità d’intenti dei sindaci, della Regione e dell’Azienda sanitaria. Dobbiamo continuare su questa strada, confrontandoci per arrivare ad una piena condivisione”.   Nel documento si individuano tutte le azioni necessarie per la fattibilità tecnico-economica del nuovo ospedale, da sviluppare alla luce del nuovo Piano Sanitario e Sociale Integrato Regionale 2012-2015; azioni finalizzate alla successiva stipula di un Accordo di programma. E si stabilisce che, in attesa della nuova struttura ospedaliera, dovranno essere garantiti i livelli e la qualità dei servizi degli attuali presidi (Barga/Castelnuovo) e delle altre strutture sanitarie presenti nella Valle del Serchio. Lo schema di questo documento era stato approvato dalla giunta regionale con una delibera dello scorso 13 febbraio, dopo che la Conferenza dei sindaci dell’Azienda USL 2, presieduta da Giorgio Del Ghingaro, nel corso di una riunione che si era tenuta il 12 dicembre 2011, si era espressa all’unanimità a favore dell’ospedale unico della Valle del Serchio. In occasione di quella riunione, era stato approvato lo studio preliminare di fattibilità proposto a tutti i sindaci, uno studio condiviso, che è stato comunque oggetto di ulteriori approfondimenti.

I giovani del Gruppo Marciatori fanno il pieno di medaglie anche a Livorno

5 Apr

Prima prova del campionato di società regionale di Atletica Leggera e primi successi per atleti e atlete del Gruppo Marciatori. Al campo scuola di Livorno domenica scorsa ben quattro podi e soprattutto sei records personali su 11 gare disputate dai nostri rappresentanti , che non finiscono di stupire i  consociati della Virtus Lucca insieme ai quali gareggiano. Su tutti il bel secondo posto ottenuto da Lisa Marchetti che alla sua seconda gara sui mille segna il tempone di 3.23 4 perdendo solo in volata, una gara difficile dove è stata costretta quasi ad uscire di pista dall’agonismo delle  avversarie. Molto avanti, nella stessa gara, altre due fondiste barghigiane: Elena Andreotti quinta in 3.30.2 e Gaia Lunardi in  3.34.2 arrivata settima, completano a suon di primato personale la bella impressione lasciata dalle nostre fondiste.  Caterina Andriani si è invece cimentata nella difficile e nuova per lei, cadetta da quest’anno, specialità del salto triplo dove si è classificata quinta mettendo in evidenza grosse possibilità già nell’immediato futuro. In campo maschile Gabriele Luti migliorandosi notevolmente fino a 1.53 m. ha occupato il terzo gradino del podio mostrando importanti progressi. Ultimi, ma non per importanza e per possenza, i nostri due lanciatori, Tommaso Boggi e Edoardo Bertolli che, nel disco e nel peso si sono classificati rispettivamente al terzo e quinto posto col primato personale nel lancio del disco. Boggi è ormai stabilmente fra i più forti lanciatori toscani ed è atteso ancora ad altro salto di qualita che si spera lo porterà ai campionati italiani, mentre Bertolli al primo anno di categoria sta piano piano acquisendo quella sicurezza che lo porterà a far compagnia di risultati al suo compagno. Presente, ma sfortunata a Livorno anche Erica Moriconi che è stata costretta al ritiro sempre nei mille da un guaio fisico.

Biondi insignito di una medaglia d’oro per i suoi studi sulla “Buffalo”

5 Apr

Il 3 Aprile scorso, presso la Caserma Gamerra  di Pisa, sede del Centro Addestramento Paracadutismo della Folgore, il Comandante Americano di Camp Darby Us Army Lt. Col. Kevin Bigelman, accompagnato dal Command Sergeant Major Felix Rodriguez, hanno insignito, su  delega della Embassy Of The United States Of America,  della Army Medal Commendation  il Ten. Col. Vittorio Biondi, effettivo alla Brigata Paracadutisti “Folgore”. La prestigiosa decorazione è stata concessa per “distinguishing oneself by eroism, meritorious achievement, or meriorious service”. Si  tratta nel dettaglio del “meritorio servizio” prestato dal Ten. Col. Vittorio Biondi all’ Esercito Americano, per il recupero della memoria della 92° Divisione Buffalo, recentemente rivisitato con la traduzione del libro sulla Battaglia di Sommocolonia ad opera della professoressa Anne Saulers, della South Caroline University. Il conferimento di questa prestigiosa onoreficenza, è stato promosso dal Department of the Army, per gradita segnalazione del professor James Pratt, figlio del capitano Charles Pratt del 366/92° che ha combattuto nelle Media Valle, e che il 15 maggio 2010 è venuto in visita a Barga.

Bimbo salvato grazie al Pegaso Le foto esclusive di M. Casci

4 Apr

Una corsa contro il tempo, un tempo talmente stretto da battere ricorrendo all’ausilio del Pegaso, l’elicottero messo a disposizione dalla Regione Toscana per i soccorsi più difficili e urgenti. E così oggi pomeriggio, per un piccolo angioletto di Barga, si è reso necessario il trasferimento d’urgenza verso l’ospedale di Massa, centro specializzato per i pazienti affetti da patologie cardiovascolari. Il bimbo soccorso, infatti, è affetto da problemi di questo tipo. Dopo una crisi, è scattato l’allarme alla centrale del 118 e la permanenza momentanea all’ospedale di Barga, il cui personale medico, resosi conto della gravità, ha disposto e ottenuto il ricovero nel nosocomio apuano. Il Pegaso è atterrato nel tardo pomeriggio sul prato dello stadio “J. Moscardini” di Barga, dove è stato allestito un presidio per garantire il miglior svolgimento delle operazioni. In esclusiva su Senzaschemi le foto dell’intervento.

Matteo Casci

I comuni garfagnini protagonisti alla Settimana del Commercio

4 Apr

La Settimana del Commercio sempre più come festa della Garfagnana. La scorsa settimana, i Sindaci della zona sono stati contattati dall’Associazione Compriamo a Castelnuovo, Centro Commerciale Naturale di Confcommercio, per prendere parte all’evento che festeggia nel 2012 i 29 anni di vita. Come noto quest’anno la manifestazione è in programma dal 14 al 26 agosto. “Offriamo a tutte le amministrazioni locali la possibilità di promuovere il proprio territorio – dice il presidente Gianni Dini – la Settimana è certamente una vetrina molto importante, una delle feste più partecipate in tutta la provincia di Lucca. Abbiamo scritto ai Sindaci per dargli la possibilità di cogliere questa occasione, di utilizzare la nostra manifestazione come contenitore delle risorse, di qualsiasi tipo, del nostro territorio. Ogni amministrazione, se vorrà, potrà avere uno spazio riservato, un palco, tutto ciò di cui avrà bisogno per presentare un proprio evento tradizionale, una caratteristica del proprio territorio, un prodotto tipico, un talento locale”. I Sindaci sono stati inoltre invitati a far parte del Comitato d’Onore che l’Associazione sta organizzando e di cui faranno parte tutti coloro che sosteranno l’evento che gode come sempre dell’appoggio della Provincia di Lucca e del Comune di Castelnuovo, oltre che delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Lucca e Banca del Monte di Lucca. Si tratta di un’iniziativa originale e assolutamente inedita. Interessante vedere se la Garfagnana saprà cogliere l’occasione di avere una propria rassegna, un festival della valle dove ogni territorio mette in evidenza una propria ricchezza.

 Il contributo di tutti – E le novità non si fermano qua. Le idee infatti non mancano all’Associazione Compriamo a Castelnuovo che per la Settimana 2012 si apre al contributo di tutta la Valle in più modi. Infatti a partire dall’11 aprile e fino al 15 maggio chi vuole proporre una propria partecipazione personale, un contributo, un’idea può scrivere alla casella di posta elettronica ccn_castelnuovo@libero.it oppure presentarsi personalmente agli uffici di Via Farini, 2 a Castelnuovo. Il programma della grande rassegna estiva è già delineato, anche se non trapelano indiscrezioni, ma si vuole dare un’opportunità anche a chi vuole mettersi in gioco o vuole proporre una propria iniziativa. Tutte le proposte ricevute saranno vagliate e quelle ritenute valide ed in linea con l’evento saranno inserite nel programma ufficiale. In pratica musicisti, attori, artisti di ogni genere, Associazioni, Scuole, gruppi di volontariato, tutti possono chiedere di partecipare alla Settimana con una propria iniziativa. L’obiettivo dell’Associazione è quello di poter coordinare l’intera macchina organizzativa e regalare a Castelnuovo un agosto indimenticabile.

La “luce” di Biagoni diventa un’esposizione mantovana

4 Apr

L’emozione che diventa Colore. Il colore che diventa Materia. La materia che diventa luogo, città, acqua, cielo, bosco, paesaggi di siti cari “goduti” dall’artista toscano Emanuele Biagioni. Dalla sua terra in Garfagnana ha preso e colto i primi “palpiti della bellezza” negli scorci e nei colori intorno a sé. Luoghi che simboleggiano momenti di un animo poetico, poesie che diventano immagini forti di un elemento predominante e inconfondibile: la LUCE. La LUCE infatti trionfa in queste bellissime tele e tavole che il giovane Emanuele Propone con sentito fervore lirico. Le sue meravigliose lagune veneziane, la sua Lucca, così come Roma, Londra, Parigi, Valencia, si riempiono di mille e mille “segni corposi” di colore, a spatola o pennello, che “catturano” i raggi di luce, solare o lunare che sia. La luce dona a loro quell’essere “cangiante” e caratterizzante di una lezione venuta dal passato, Monet e Van Gogh, ma anche Turner, vorticoso protagonista di atmosfere che della luce ha fatto un sentimento e un’anima, impalpabile e imperiosa, di ogni suo “spunto” paesaggistico. E così Emanuele Biagioni, romantico impressionista dei nostri giorni, ci dona spaccati e scorci di città, già note e immortalate da artisti di tutto il mondo per la loro bellezza e storia, colte però in un aspetto più intimistico e magico, con poche linee di riferimento realistico, ma infiniti tratti di luce e colore, nella ricerca continua, volta ad immortalare anche solo un attimo del nostro sentire più invisibile: l’emozione dell’anima. Emanuele dipinge creando, segno dopo segno, in ogni sua opera, un enorme “puzzle compositivo”, (come ha scritto il professor Franchino Falsetti), in cui il luogo è stimolo e pretesto insieme per manifestare l’emozione dell’artista davanti alla bellezza della Natura ed alla grandezza di alcune meraviglie create dall’uomo. Emanuele fissa cosi le sue impressioni seguendo le corde della sua sensibilità in una sorta di “diario di viaggio” attraverso i luoghi e le città visitate. Mancano le figure umane oppure sono segni indistinti che minuscoli popolano immensi scorci e luminosi siti che hanno lasciato un segno nell’occhio attento dell’artista. La vita è fatta di momenti intensi, che costituiscono piccole parentesi nello scorrere del tempo, in questi momenti ci sentiamo “parte” di un “tutto”, in armonia con noi stessi e con tutto ciò che ci circonda. Emanuele trae da questi attimi la sua linfa vitale e la sua “traccia “ artistica: riesce a trasmettere, con mille e mille veloci passaggi e colori, l’anima più profonda dell’Universo, in una incessante ricerca della Bellezza non fine a se stessa, ma profonda e carica di vita e, quindi, di LUCE.

Pasqua, è tempo di truffe Diffidate dai falsi dipendenti Enel

4 Apr

Nel periodo pasquale aumenta il rischio di truffe perpetrate da sconosciuti che, camuffandosi per dipendenti Enel, bussano alle porte con la scusa di riscuotere presunte bollette non pagate o di aggiornare obbligatoriamente il contratto. Tali tentativi danneggiano spesso gli anziani, soprattutto nelle città e nei centri rurali. A questo proposito, Enel comunica che i propri dipendenti sono in possesso di un tesserino plastificato con foto e dati di riconoscimento, al pari degli agenti specializzati di Enel Energia – Società del gruppo Enel che opera sul mercato libero – i quali presentano a domicilio le nuove offerte commerciali. Enel ricorda altresì che nessuna forma di riscossione viene effettuata al domicilio del Cliente, essendo a tal fine abilitati esclusivamente i canali conosciuti: bollettino postale, banca o carta di credito e bancomat da utilizzare presso gli sportelli automatici, puntolis, pagamento on-line con carta di credito emessa in Italia dagli appositi circuiti, addebiti su c/c bancario o c/c postale. Per quanto riguarda Enel Energia, attraverso i canali previsti dal mercato libero (negozi Enel Energia, Punti Enel Energia, agenti specializzati, teleseller e canali web) vengono presentate le offerte standard della Società, in particolare “Tutto Compreso Luce” e “Tutto Compreso Gas”, che consentono di bloccare il prezzo dell’elettricità e del gas e di risparmiare circa 70 euro l’anno, soprattutto a fronte degli aumenti stabiliti dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas dal 1° aprile 2012. Enel Energia, peraltro, ricorda che i propri uffici sono a disposizione dei Clienti: per qualsiasi informazione, i Clienti di Enel Energia possono recarsi in viale Marti n. 41 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.00. Per ogni esigenza, sono attivi il numero verde 800 900 860 e il sito www.enelenergia.it. È utile tenere a portata di mano anche il numero Enel 800.900.800 e, per i guasti, l’803 500.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: