E’ arrivato il terremoto, telecomunicazioni in tilt

28 Gen

Il terremoto che ha colpito mezzo Centro e Nord Italia, ovunque ha regalato una certezza: è inutile fare simulazioni, esercitazioni pratiche, prove di evacuazione, dare raccomandazioni e vademecum. Un conto è la finzione, un altro la realtà. E quando questa si materializza sotto forma di evento imponderabile o quasi, l’uomo comune e non comune, una volta si affidava ai santini e ai rosari. Ora, invece i santi hanno le sembianze di un aggeggio a cui si lega la salvezza eterna, ossia il benedetto segnale: San Tim, San Tre, San Vodafone, San Wind e San Postemobile. Neanche trenta secondi dopo la scossa, è partito l’assalto ai cellulari, intasando le già insufficienti reti di telefonia mobile presenti sul territorio di Mediavalle e Garfagnana. Un problema grosso verificatosi non solo a Barga, ma in tutta la Valle del Serchio, è stato il tilt delle comunicazioni. Le linee, già di per sé insufficienti in condizioni normali, erano intasatissime, e solo dopo mezz’ora dal sisma si è riusciti a ripristinare una situazione di normalità. Infatti, era impossibile reperire chiunque, ad esclusione dei numeri di emergenza. Su questo punto, l’assessore barghigiano Pietro Onesti (finalmente rintracciato dopo tre quarti d’ora dalla scossa per colpa di questo blocco) getta fuoco sulle polemiche: “Si sono confermate le mie previsioni all’indomani dell’esercitazione Terex 2010 – afferma senza girarci intorno -. Il panico è una logica conseguenza dell’evento, ed un conto è la simulazione, un altro invece un terremoto vero. Però, con un po’ di buonsenso, si sarebbe evitato il blocco delle telecomunicazioni via telefono e via radio, che ha solo fatto da ostacolo. Una situazione assurda, che ha intralciato anche il nostro lavoro. E meno male che non ci sono state conseguenze a cose e persone”. Già, ma vallo a spiegare a chi, da un momento all’altro ha vissuto degli attimi di vero terrore… Però, prima degli anni ’90, come sarebbe andata???

Nicola Bellanova

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: