Giusva Giusti saluta il Barga Ora tocca a Roberto Fanani

25 Gen

Giusva Giusti non è più l’allenatore dell’As Barga. Era nell’aria, forse non da pochi giorni, ma da ieri il giovane mister borghigiano chiude dopo tre anni avvincenti fatti da alti (tantissimi) e bassi (pochi, ma decisivi per il proseguo della sua carriera in biancazzurro) e un filotto di due salvezze consecutive conquistate in scioltezza. Anzi, a dire il vero, appena sette mesi fa, la squadra del capoluogo si giocava nientemeno che l’accesso in Eccellenza negli spareggi. Poi, in questa stagione, il rinnovamento dell’organico ha cambiato volto al gruppo, e i risultati non sono arrivati. Fatale, a Giusti, la sconfitta interna di domenica scorsa, arrivata contro un non trascendentale Montecatini. La quinta fermata casalinga della stagione, sulle nove totali. Oltre alla carenza di risultati e il pericoloso terz’ultimo posto in classifica con soli 16 punti all’attivo, Giusti paga anche la confusione tattica che ha attanagliato la squadra nelle ultime gare. Il trainer era sotto esame già dopo lo stop casalingo ad opera del Monsummano, arrivato dopo la piccola rivoluzione di mercato che ha portato in biancazzurro Salsini e Da Prato. Poi, il colpo di reni di San Piero a Sieve aveva illuso tutti, anche se i tre punti erano arrivati con tanta sofferenza. Con i termali, domenica, la goccia che ha fatto traboccare il vaso: gioco inesistente, nervosismo e la sensazione di una scollatura tra spogliatoio e mister. E così, la decisione drastica: via Giusti, tocca a Roberto Fanani traghettare il Barga verso la salvezza. Fanani, calciatore professionista per tanti anni ed allenatore apprezzato, è reduce dalla non certo esaltante avventura dello scorso anno nella sua Castelnuovo. Quindi, il baffuto trainer garfagnino ha fame di riscatto, e voglia di spaccare il mondo. Quello che serve a questo Barga spento ed abulico, anche se, è inutile girarci intorno ed è meglio essere realisti, potrebbe non bastare per evitare i playout. La tifoseria, quest’anno scesa al suo minimo storico di presenze al “Moscardini” è scettica, ma aspetta i cambiamenti auspicati. Domenica si va nella tana della capolista Folgor Marlia. Esordio migliore, per Roberto Fanani, non poteva esserci…

Nicola Bellanova

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: